Febbraio, 2020

07Feb(Feb 7)20:30ORCHESTRA GIOVANILE ITALIANA - KOLYA BLACHER direttore e violino solistamusiche di W. A. Mozart, P. I. P. I. Čajkovskij20:30 Genere:Concertistica,Stagione 2019-2020acquista onlinebiglietteria

Ora

(Venerdì) 20:30

Dettagli

 

ORCHESTRA GIOVANILE ITALIANA
KOLYA BLACHER direttore e violino solista

 

programma

W. A. Mozart
Sinfonia nº 38 “PRAGA” in Re Maggiore KV 504

P. I. Čajkovskij
Concerto per violino in Re Maggiore Op 35

P. I. Čajkovskij
La Tempesta Op. 18 – Fantasia sinfonica in fa minore, da William Shakespeare

Boris Blacher
Concertante Musik op.10 (1937)

 

L’Orchestra Giovanile Italiana, ideata da Piero Farulli all’interno della Scuola di Musica di Fiesole, in 30 anni di attività formativa ha contributo in maniera determinante alla vita musicale del Paese con oltre mille musicisti occupati stabilmente nelle orchestre sinfoniche italiane e straniere. Tenuta a battesimo da Riccardo Muti, l’Orchestra è stata invitata in alcuni fra i più prestigiosi luoghi della musica, tra cui Montpellier, Edimburgo, Berlino, Lubiana, Madrid, Francoforte, Praga, Budapest, Turku, Buenos Aires. Nell’aprile del 2010 ha eseguito il concerto in onore del quinto anniversario del pontificato di Sua Santità Benedetto XVI, offerto dal Presidente della Repubblica Italiana Giorgio Napolitano. Nel marzo 2014 l’Orchestra è stata protagonista a Salisburgo della messa in scena dell’ultima opera mozartiana, La clemenza di Tito, con la partecipazione del cast vocale del Mozarteum di Salisburgo.
Annualmente impegnata nel corso di direzione d’orchestra tenuto da Daniele Gatti presso l’Accademia Chigiana di Siena, l’OGI ha potuto recentemente beneficiare di numerosi incontri con il celebre direttore, che ha tenuto presso la Scuola di Musica di Fiesole alcune lezioni d’orchestra ed ha accolto l’invito a dirigere la Giovanile nel Concerto di Capodanno 2019 presso il Teatro del Maggio Musicale Fiorentino.
Il 1° giugno 2019 l’Orchestra Giovanile Italiana, diretta da Marco Angius, è stata protagonista del concerto al Quirinale per la Festa della Repubblica su invito del Presidente Sergio Mattarella.
L’OGI è invitata con regolarità da numerose istituzioni concertistiche, tra cui l’Alto Adige Festival ed il Festival dei Due Mondi di Spoleto, dove ha preso parte più volte all’inaugurazione partecipando all’allestimento in prima assoluta di tre lavori della compositrice Silvia Colasanti.
L’hanno diretta fra gli altri: C. Abbado, R. Abbado, S. Accardo, Y. Ahronovitch, P. Bellugi, L. Berio, G. Ferro, D. Gatti, C.M. Giulini, E. Inbal, Z. Mehta, R. Muti, G. Noseda, K. Penderecki, G. Sinopoli, J. Tate, K. Blacher. Ha inciso per Nuova Era, Aulos, Fonit Cetra, Stradivarius; ha registrato per la RAI, Radio France e l’Unione Europea delle Radio. Dal 2000 al 2012 Nicola Paszkowski ha ricoperto l’incarico di Maestro per l’orchestra, affidato a Giampaolo Pretto fino al 2018 ed attualmente a Daniele Giorgi.
All’OGI hanno dedicato loro opere compositori come Sylvano Bussotti e Giorgio Battistelli.
Nel 2004 l’Orchestra è stata insignita del “Premio Abbiati” dell’Associazione Nazionale Critici Musicali quale miglior iniziativa musicale, che dal 1984 ha formato migliaia di professionisti, costituendo un punto di riferimento unico per la formazione del giovane musicista e una delle espressioni più felici del ruolo didattico, insostituibile da 30 anni, della Scuola di Musica di Fiesole. Nel settembre 2008 le è stato conferito il prestigioso Praemium Imperiale – Grant for Young Artists dalla Japan Art Association. La sostengono il Ministero dei Beni e delle Attività Culturali, oltre alla Regione Toscana e alla Fondazione CR Firenze.
Direttore Artistico dell’OGI è Alain Meunier, carica ricoperta dal 2008 al 2016 da Andrea Lucchesini.

 

ARTISTI

Kolja Blacher
Ha studiato alla Juilliard School di New York con Dorothy Delay e poi con Sandor Vegh a Salisburgo. Suona in tutto il mondo con le più importanti orchestre fra cui i Berliner Philahrmoniker, i Muenchner Philharmoniker, la NDR Sinfonieorchester di Amburgo, l’Orchestra del Gewandhaus di Lipsia, l’Orchestra Nazionale di Santa Cecilia, l’Orchestra sinfonica di Baltimora, collaborando con importanti direttori fra cui Kirill Petrenko, Vladimir Jurowski, Mariss Jansons, Matthias Pintscher, Markus Stenz e molti altri.
Il repertorio spazia da Bach fino alla musica contemporanea (Concerti di Lindberg, Weill, Henze, Zimmermann).  Con l’Orchestra da Camera di Monaco di Baviera ha dato la prima mondiale del Concerto di Brett Dean “ Electric Preludes” per violino elettrico a sei corde. Sempre più intensa l’attività di direttore/solista: Orchestra Sinfonica di Melbourne, Mahler Chamber Orchestra, Orchestra Filarmonica di Hong Kong, Festival Strings Lucerna, Orchestra Sinfonica di Gerusalemme, Dresdner Philhrmoniker, Komische Oper Berlino, Orchestra Sinfonica Giuseppe Verdi di Milano, e molte altre. Nel 2018 ha suonato in Trio con Jennifer Stumm e Jens Peter Maintz tutti i Trio per archi di Beethoven
Numerose le incisioni discografiche (premiate anche con il Diapason d’or), fra le altre anche con Claudio Abbado con cui ha avuto una stretta collaborazione sin dai tempi dei Berliner Philahrmoniker e poi con la Lucerne Festival Orchestra. Nel 2013 è stato pubblicato un CD con il Concerto per violino di Schoenberg, con la Guerzenich Orchester di Colonia e Markus Stenz, premiato con il Deutscher Schallplattenpreis nel 2015. Di recente pubblicazione il CD con Serenade di Bernstein e Il Concerto in re maggiore di Haydn. Insegna oggi alla Hochschule fuer Musik Hanns Eisler di Berlino dove vive con la sua famiglia e dove è stato per 6 anni violino di spalla dei Berliner Philharmoniker. Suona lo Stradivari Tritton del 1730, messogli a disposizione dalla Signora Kimiko Powers.

 

VIDEO

Orchestra giovanile Italiana – trailer

Storia dell’Orchestra Giovanile Italiana

Kolya Blacher solista
Berliner Philarmoniker
Claudio Abbado direttore

Intervista a Kolya Blacher

 

 

Organizzatore

Teatro Ristori

Biglietti online

acquista online

Info prezzi, abbonamenti e riduzioni

biglietteria
X