Tra Oriente ed Occidente

È incredibile constatare come i sentimenti non siano legati a una determinata cultura, ma siano davvero universali. Si parte dal sommo Bach che, con la sua prima Partita, dipinge un perfetto parlamento musicale, che unisce tutta la cultura europea, dalla Germania alla Francia fino all’Italia, senza però dimenticare l’Oriente, attraverso una delle Sarabande più travolgenti e immaginifiche della sua produzione tastieristica. Si prosegue con Schubert e con tre danze tedesche, due Ecossaises op. 33, nelle quali sentiamo il profondo legame del compositore austriaco con la musica ungherese che ci trasporta nella magia e profondità delle quattro mazurche del poeta del pianoforte Chopin.
R. Schumann a proposito delle mazurche diceva: “se lo Zar della Russia avvertisse anche nelle semplici melodie delle mazurche di Chopin una presenza pericolosa e una minaccia ne proibirebbe la musica. Le opere di Chopin sono cannoni sepolti sotto i fiori”.
Dopo F. Chopin, diamo uno sguardo a due canti popolari persiani nell’arrangiamento del musicologo e compositore americano Blair Fairchild, grande studioso delle melodie popolari delle varie nazioni.
In queste melodie possiamo intravedere i movimenti dei Dervisci, che attraverso la danza, raggiungono la dimensione trascendentale.
Bartòk nelle danze rumene, esprime sentimenti differenti amalgamati ad un virtuosismo da giocoliere.
Brahms con la quinta danza ungherese coglie l’idioma e la cultura magiara con sorprendente sensibilità. Queste musiche stimolano, all’insegna della cultura, l’intera famiglia umana ad un abbraccio ecumenico ed identitario, trascendendo ogni sorta di esclusione e di settarismo.
Rachmaninov col suo capolavoro giovanile che è la Elegia in mi bemolle minore ci trasporta direttamente nella fatalità e malinconia russa in una tonalità colma di lacrime e passione, che si configura quasi come nostalgica rievocazione di una felicità perduta cui fanno da scenario le steppe e la meravigliosa natura russa nella sua multiforme vastità.
L’ultima tappa del nostro viaggio è lo Scherzo Nr. 1 op. 20 uno dei brani più drammatici, tragici e tecnicamente più difficili di Chopin, che, esule in Francia lascia trapelare il suo tormento e la sua accorata nostalgia per la patria martoriata e la struggente tenerezza di una melodia natalizia polacca, udita nella sua infanzia. Lo Scherzo Chopiniano è assai differente dallo Scherzo Bachiano presente nella terza Partita. Lo Scherzo Chopiniano richiama più che uno scherzo, un avvenimento nefasto, che va combattuto per un mondo migliore e più giusto. Anche perché la luce deve sconfiggere le tenebre e l’oscurità.

Ramin Bahrami

Info Spettacolo

giovedì, 27 Aprile 2023 H 20:00
Teatro Ristori

Programma evento

J.S. Bach
Partita n. 1

F. Schubert
Danze Tedesche op. 33 n. 14 – 15 – 1 6
Danze Scozzesi op.33 n. 1 e 2

F. Chopin
Mazurca op 30 n. 2
Mazurca op 33 n. 2
Mazurca op 63 n. 3
Mazurca op 68 n. 4

Due Danze Persiane ( arr. Blair Fairchild)
1.Ooch Delam
2. Khaham Ke Bar Zolfat
B. Bartòk:
6 Danze Rumene

J. Brahms
Danza Ungherese n .5

S. Rachmaninov
Elegia op.3

F. Chopin
Scherzo n. 1 op 20

Artisti e Compagnia

Ferruccio de Bortoli e Ramin Bahrami

Info e Biglietteria

Biglietti in vendita da settembre

giovedì, 27 Aprile 2023 H 20:00giovedì, 27 Aprile 2023 H 20:00giovedì, 27 Aprile 2023 H 20:00

Prossimi Eventi

Tutto
Danza
Per le Famiglie
Jazz
mercoledì
19
Ott 2022
H 20:00
Gianluca Petrella

Un artista jazz trasversale che porta sul palcoscenico del Teatro Ristori il suo album "Cosmic Renaissance".

giovedì
27
Ott 2022
H 20:00
Il canto della terra (Das Lied von der Erde)

Una nuova produzione Teatro Ristori e Mvula Sungani Physical Dance con musica dal vivo dell'Eensemble Windkraft con il mezzo soprano Anna María Chiuri, il tenore John Jurgens diretti da Kasper De Roo.

venerdì
28
Ott 2022
H 20:00
Steve Turre & Marco Marzola “Trio”

Steve Turre, uno dei più importanti innovatori del jazz al mondo, sul palcoscenico del Teatro Ristori insieme al Marco Marzola “Trio”.

giovedì
10
Nov 2022
H 20:00
Joe Lovano, Marcin Wasilewski trio

Una delle formazioni più acclamate e uno dei più grandi musicisti nella storia del jazz insieme sul palcoscenico del Teatro Ristori.

Acquista l’Abbonamento

Biglietteria del Teatro

Via Teatro Ristori, 7
37122 Verona VR
+39 045 693 0001
[email protected]
Dal lunedì al venerdì dalle 10:00 alle 13:00
e dalle 16:00 alle 19:00

BoxOffice

Via Pallone, 16
37121 Verona VR
+39 045 8011154
Dal lunedì al venerdì dalle 9.30 alle 12.30 e dalle 15.30 alle 19.00
Sabato dalle 9.30 alle 12.30

Per le Aziende

Affitta il Teatro Ristori per i tuoi eventi
Diventa Sponsor e assicurati una poltrona per ogni spettacolo

Ricevi gli aggiornamenti e le promozioni
del Teatro Ristori

  • Stagioni
  • Per Aziende
  • Box Office
  • X