ROMANTICISMO SENZA TEMPO

Sarasate o Wieniawsky? Vieuxtemps o Ernst? Il violinista che voglia sfoggiare un pezzo brillante per il suo strumento, scritto da uno di questi grandissimi esecutori /compositori della 2a metà dell’’800 ha l'imbarazzo della scelta tra una moltitudine di musica scritta appositamente per far risaltare il suo strumento. Il violista da questo punto di vista è un poco meno fortunato, il suo repertorio ottocentesco è magnifico, ma spesso concepito (giustamente, ci mancherebbe altro), per evidenziare più le doti di cantabilità ed introspezione invece di un edonismo forse esteriore, ma molto divertente. Da qui l'esigenza di scrivere questo concerto in sol minore per viola e archi in un movimento dallo stile brillante e un po' retorico, quale rispettoso omaggio ad una grande stagione di creatività strumentale.

"Il programma di questo concerto, che alterna brani con la viola solista a brani per soli archi, ha l'ambizioso proposito di accostare a grandi capolavori della seconda metà dell’’800 (Bruch e Tchaikovsky) musica dei nostri giorni, ma concepita con l'intento ed il desiderio di dimostrare che il linguaggio del passato può essere vissuto ed interpretato anche in chiave moderna, senza perdere di autenticità e cercando di parlare con sincerità e spontaneità agli ascoltatori."

Info Spettacolo

venerdì, 24 Marzo 2023 H 20:00
Spazio S. Pietro in Monastero

Programma evento

M. Bruch
Romanza in Fa Maggiore per viola e orchestra
(versione per archi di F. Fiore)

F. Fiore
Concerto in un movimento in sol minore per viola e orchestra

F. Fiore
Postludio per orchestra d’archi (Prima Esecuzione Assoluta)

P. I. Tchaikovsky
Serenata per archi in Do Magg. Op. 48

Artisti e Compagnia

FRANCESCO FIORE direttore e viola

Nato a Roma, ha compiuto i suoi studi presso il Conservatorio “Santa Cecilia” di Roma, sotto la guida dei maestri Lina Lama e Massimo Paris perfezionandosi successivamente con il Maestro Bruno Giuranna nei corsi dell’Accademia “W. Stauffer” di Cremona.
Vincitore di numerosi premi e concorsi, si è imposto fin da giovanissimo come uno dei musicisti più interessanti ed ecclettici della sua generazione, dando inizio ad una intensa attività concertistica che lo ha portato ad esibirsi per le più prestigiose stagioni in Italia e nel mondo, collaborando con i più importanti musicisti italiani e stranieri: S. Accardo, B. Canino, R. Filippini, A. Meneses, B. Belkin, R.Scotto, A. Pappano, B. Giuranna, A. Kontarsky, A. Mazdar, P. Amoyal, R. Küssmaul e molti altri ancora. Da più di venti anni è a fianco del Maestro Accardo per i suoi progetti cameristici, ed è membro del quartetto Accardo.
Per venticinque anni prima viola dell’Orchestra del Teatro dell’Opera di Roma, ha ricoperto lo stesso ruolo presso l’Orchestra dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia, l’Orchestra del Teatro alla Scala di Milano, l’Orchestra Nazionale RAI di Torino, e (invitato da S. Accardo), è prima viola dell’Orchestra da Camera Italiana fin dalla sua fondazione.
Recentemente decide di abbandonare l’Orchestra per dedicarsi a tempo pieno all’insegnamento: partecipa al concorso a cattedra classificandosi primo e assume il ruolo di docente di Viola presso il Conservatorio “C. Monteverdi” di Cremona. E’ stato anche nominato curatore delle preziose viole custodite nel museo del violino “A. Stradivari” di Cremona.
La sua discografia comprende numerosi CD per DECCA, RCA, ASV, AMADEUS, FONÉ e FONIT CETRA.
Per la NHK di Tokio ha realizzato un programma televisivo suonando la celeberrima ed unica viola Stradivari del Palazzo Reale di Madrid, assieme al M° S. Accardo.
Ultimamente ha arricchito la sua attività iniziando ad esibirsi come Direttore e Maestro concertatore al Cembalo.
Tra le sue più recenti affermazioni in qualità di compositore si può citare la realizzazione di un brano per violino e archi commissionato dalla Fondazione Pirelli, ed ispirato alla vita ed alle atmosfere di un grande complesso industriale. Nasce così “Il Canto della Fabbrica” espressamente composto e dedicato al M° Accardo ed all’Orchestra da Camera Italiana, eseguito in prima mondiale durante il Festival MITO 2017 con unanimi ed entusiastici riscontri di pubblico e critica.

I VIRTUOSI ITALIANI

Info e Biglietteria

BIGLIETTERIA I VIRTUOSI ITALIANI

Verona, Piazzetta Ottolini n. 9
Lunedì, Martedì e Mercoledì dalle 15.30 alle 18.00
Giovedì dalle 10.30 alle 13.00

oppure su prenotazione:
Mobile, WhatsApp, Telegram
+39 392 7178741  / +39 045 8006411

[email protected] 

presso il Teatro Ristori o San Pietro in Monastero
dalle 18.30 nei concerti serali
dalle 15.30 nei concerti pomeridiani

venerdì, 24 Marzo 2023 H 20:00venerdì, 24 Marzo 2023 H 20:00venerdì, 24 Marzo 2023 H 20:00

Prossimi Eventi

Tutto
Danza
Per le Famiglie
Jazz
Nessun evento trovato!

Acquista l’Abbonamento

Biglietteria del Teatro

Via Teatro Ristori, 7
37122 Verona VR
+39 045 693 0001
[email protected]
Dal lunedì al venerdì dalle 10:00 alle 13:00
e dalle 16:00 alle 19:00

BoxOffice

Via Pallone, 16
37121 Verona VR
+39 045 8011154
Dal lunedì al venerdì dalle 9.30 alle 12.30 e dalle 15.30 alle 19.00
Sabato dalle 9.30 alle 12.30

Per le Aziende

Affitta il Teatro Ristori per i tuoi eventi
Diventa Sponsor e assicurati una poltrona per ogni spettacolo

Ricevi gli aggiornamenti e le promozioni
del Teatro Ristori

  • Stagioni
  • Per Aziende
  • Box Office
  • X