ECHI DANTESCHI

Musica per l'immaginazione. Musica per l'età moderna.

Nell'ultimo decennio Gabriel Prokofiev (nipote del celebre Sergej), è diventato una voce significativa nella musica classica contemporanea della sua generazione.

Posizionato in modo univoco all'intersezione tra passato e futuro della creazione musicale contemporanea, Gabriel combina un'ampia esperienza nelle composizioni classiche e sinfoniche; colonne sonore per film, danza e opera; e musica elettronica per creare suggestivi viaggi musicali che attraversano i generi e aumentano le emozioni.

“Dante Concerto” per flauto e archi, rappresenta un lavoro di grande ispirazione per il Sommo, creato in occasione del recente anniversario. “Sono rimasto davvero affascinato dalla notevole gamma emotiva e descrittiva dell'Inferno dantesco: c'è molta oscurità e disperazione, ma anche tristezza, rimpianto, dubbio, e persino speranza e amore”, dice il giovane compositore. “Non c'è un narratore, quindi la musica ha più spazio per evocare le immagini del viaggio di Dante negli inferi e il flauto diventa il principale narratore della storia”.

Michael Nyman è uno dei massimi compositori viventi, Partito dalle sorgenti del minimalismo di maestri come Reich e Glass, si è poi proiettato verso nuove, ardite traiettorie musicali. “Suoni che riescono a combinare folk, elettronica, musica sacra e classica, in una miscela sonora emozionante, perché la musica - spiega - "è potenza, passione, istinto, dolore"

Info Spettacolo

giovedì, 20 Aprile 2023 H 20:00
Teatro Ristori

Programma evento

C. Scannavini
Composizione (Prima esecuzione assoluta)

M. Nyman
Concerto per flauto n. 2

G. Prokofiev
Dante Concerto

A. Dvorak
Serenata per archi in Mi Magg. Op. 22

Artisti e Compagnia

ALDO SISILLO direttore

Aldo Sisillo, ha compiuto i suoi studi musicali presso i Conservatori di Napoli e Bologna e si è laureato all’Università di Bologna in Discipline delle Arti, della Musica e dello Spettacolo col massimo dei voti. Ha studiato Direzione d’orchestra con i Maestri Massimo de Bernart, Vladimir Delman e Gianluigi Gelmetti.
Ha diretto produzioni liriche per il Teatro Comunale di Bologna, Teatro dell’Opera di Roma, Guang Zhou Opera House, Teatro Nazionale di Atene, Maggio Musicale Fiorentino, Teatro Massimo Bellini di Catania, Opera di Tenerife, nei teatri di Modena, Ferrara, Lucca, Livorno, Pisa, Piacenza, Reggio Emilia, Bergamo, Bolzano e per Florida Grand Opera di Miami
È stato invitato come direttore ospite da istituzioni sinfoniche italiane ed estere, tra cui l’Orchestra Haydn di Bolzano, l’Orchestra Alessandro Scarlatti della RAI di Napoli, la Arturo Toscanini dell’Emilia Romagna, i Virtuosi Italiani, la European Union Chamber Orchestra, la Moravian Philarmonic Orchestra, l’Orchestra dell’Accademia Filarmonica di San Pietroburgo, l’Orchestra Filarmonica di Lubecca, New Haven Symphony Orchestra, Miskolc Symphony Orchestra, Nurnberger Simphoniker, Guang Zhou Synphony Orchestra e Hang Zhou Philarmonic Orchestra, NordWestDeutsche Philarmonie. Festival di Ravello e Holland Festival.
Si è dedicato intensamente alla musica contemporanea: ha diretto numerose prime assolute per il Cantiere Internazionale d’Arte di Montepulciano, Nuove Forme Sonore in Roma, il Festival Angelica di Bologna e l’Estate Chigiana di Siena.
Ha inciso per la Fonit Cetra, la Naxos e l’Hermitage e ha registrato numerosi concerti per la RAI.
Dal 1995 al 2000 è stato Segretario Artistico presso il Teatro Comunale di Bologna.
Ha inoltre composto musiche di scena per spettacoli teatrali presentati alla Biennale di Venezia, Festival Mondiale di Nancy, Festival di Santarcangelo, Rassegna dei Teatri Stabili di Firenze, Festival della Valle della Marna di Parigi. È stato fondatore e animatore dal 1984 al 1994 dell’Orchestra Sinfonica Giovanile dell’Emilia-Romagna. Dal 1995 al 2000 è stato Segretario artistico al Teatro Comunale di Bologna
Attualmente è Direttore e Direttore Artistico della Fondazione Teatro Comunale di Modena.

MASSIMO MERCELLI flauto

Massimo Mercelli è il flautista al mondo che vanta le più importanti dediche e collaborazioni con i maggiori compositori: hanno scritto per lui o ha eseguito le prime assolute di personalità del calibro di Penderecki, Gubaidulina, Glass, Nyman, Bacalov, Galliano, Morricone, Sollima.
Allievo dei celebri flautisti Maxence Larrieu ed André Jaunet, a diciannove anni diviene primo flauto al Teatro La Fenice di Venezia, vince il “Premio Francesco Cilea”, il “Concorso Internazionale Giornate Musicali” e il “Concorso Internazionale di Stresa”.
Come solista suona regolarmente nelle maggiori sedi concertistiche del mondo: Carnegie Hall di New York, Herculessaal e Gasteig di Monaco, Filarmonica di Berlino, NCPA di Pechino, Teatro Colon di Buenos Aires, Concertgebouw di Amsterdam, Auditorium RAI di Torino, Auditorio Nacional di Madrid, Puccini Festival, Victoria Hall di Ginevra, San Martin in the Fields e Wigmore Hall di Londra, Parco della Musica di Roma, Filarmonica di San Pietroburgo, Filarmonica di Varsavia, Čajkovskij Hall di Mosca, e nei Festival di Ljubljana, Berlino, Santander, Vilnius, San Pietroburgo, Bonn, Festival Cervantino, Rheingau, Jerusalem, Warsaw, esibendosi con colleghi quali Yuri Bashmet, Valery Gergiev, Krzysztof Penderecki, Philip Glass, Michael Nyman, Massimo Quarta, Ennio Morricone, Luis Bacalov, Peter-Lukas Graf, Maxence Larrieu, Aurèle Nicolet, Anna Caterina Antonacci, Ramin Bahrami, Albrecht Mayer, Gabor Boldowsky, Jiri Belolhavec, Federico Mondelci, Jan Latham-Koenig, Catherine Spaak, John Malkovich, Susanna Mildonian, e con compagini come i Berliner Philarmoniker, la Sinfonia Varsovia, la Filarmonica del Teatro Regio di Torino, i Moscow Soloists, la Filarmonica Toscanini, l’Opera di Roma, i Wiener Symphoniker, i Cameristi del Teatro alla Scala, la Prague Philarmonia, la Estonian Philarmonic orchestra, la Filarmonica di San Pietroburgo, i Virtuosi Italiani, i Salzburg Soloists, la Moscow Chamber Orchestra, i Solisti Aquilani, la Beijing Opera e Symphony orchestra, la Franz Liszt Chamber Orchestra, I Musici, i Solisti Veneti.
Ha eseguito in prima esecuzione “Façades” di Philip Glass col compositore al pianoforte, ha suonato alla Grande Sala del Mozarteum di Salisburgo.
L’11 settembre 2006 ha suonato presso l’auditorium dell’ONU a New York. Nella stagione 2008 si è esibito alla Filarmonica di Berlino nella stagione ufficiale e alla Filarmonica di Mosca in un Galà con Yuri Bashmet e Gidon Kremer.
Nell’agosto 2008 si è esibito come solista nella prima assoluta della cantata di Ennio Morricone “Vuoto d’anima piena” diretta dal compositore stesso e ha partecipato, alla Filarmonica di Varsavia, al festival dedicato ai 75 anni di Krzysztof Penderecki.
Nella stagione 2009-10 ha suonato al MITO Festival di Milano, al Teatro Nazionale di Praga con Denice Graves, in Cina con Luis Bacalov all’Expo di Shanghai e ha effettuato la prima esecuzione mondiale del concerto per flauto ed orchestra di Michael Nyman a lui dedicato.
Nel gennaio 2011 ha suonato alla Čajkovskij Hall di Mosca sotto la direzione di Yuri Bashmet eseguendo “Contrafactus ” di Giovanni Sollima, a lui dedicato e si è esibito al MusikVerein di Vienna.
Nel 2012 ha suonato in Russia, Cina, Europa e Sud America in importanti sedi come le Filarmoniche di Vilnius, Praga.
Nel mese di settembre 2012 è uscito il cd Massimo Mercelli performs Philip Glass con l’integrale della musica per flauto di Philip Glass edito da “Orange Mountain Record”, la casa discografica di Philip Glass.
Apprezzato didatta ha tenuto masterclass e insegnato  presso: Beijing Central Conservatory, Oslo Norges Musikkhogskole (Norway);Sibelius Academy in Helsinki (Finland); Cleveland Institute of Music (USA); Akron University (USA); Trinity college of music (UK); Mannes School of New York (USA); Singapore Conservatory (Singapore) Oberlin Conservatory (USA); Bangkok University (Thailand); North Carolina University (USA); Universitad of Santiago(Chile); Taiwan University (Taiwan); Matan Project –Tel Aviv (Israel); Rostropovich Foundation (Vilnius, Lithuania).
Negli anni a seguire ricordiamo l’uscita del cd Bach Flute Sonatas con Ramin Bahrami per DECCA, la prima mondiale del nuovo concerto a lui dedicato da Sofia Gubaidulina e la partecipazione al concerto di apertura del Festival per gli 85 anni di Krysztof Penderecki alla Filarmonica di Varsavia e al concerto dedicato all’Italia a Sochi durante le Olimpiadi, il nuovo cd Bach SansSouci per DECCA con Ramin Bahram, e su RAI5 una serie di documentari sulle sonate di Bach, la prima esecuzione del Jade Concerto a lui dedicato da Richard Galliano al Festival di Izmir e quella di Warum? di Sofia Gubaidulina, anche esso a lui dedicato, al Teatro alla Scala di Milano e il nuovo concerto di David Chapela a Buenos Aires e Los Angeles. Recentemente Michael Nyman gli ha dedicato il concerto per flauto n°2.

GABRIEL PROKOFIEV live electronics

Componendo musica che abbraccia e sfida le tradizioni classiche occidentali, Gabriel Prokofiev è emerso come una voce significativa nei nuovi approcci alla musica classica all'inizio del 21° secolo. Dopo aver completato i suoi studi musicali presso le università di Birmingham e York, e insoddisfatto del mondo apparentemente insulare della musica classica contemporanea, ha sviluppato una carriera musicale parallela come produttore dance, grime, electro e hip-hop. Questo background nella musica da ballo combinato con le sue radici classiche conferisce alla sua musica un suono unico e veramente contemporaneo.
Gabriel ha costruito un ampio corpus di opere orchestrali e da camera e ha composto sette concerti (tre con giradischi), oltre a molte opere elettroniche, spesso combinando sintetizzatori e campioni con strumentazione classica. Le sue opere sono state eseguite a livello internazionale da orchestre tra cui la Seattle Symphony, la Detroit Symphony, la St Petersburg Philharmonic, la Moscow State Symphony, la BBC Philharmonic, la MDR Leipzig, la Copenhagen Phil, la Luxembourg Philharmonique, la Buenos Aires Filharmonica, la Porto Symphony e la Real Orquesta de Sevilla. Inoltre, collabora frequentemente con ballerini contemporanei e ha lavorato con compagnie come Stuttgarter Ballet, Rambert Dance, Bern Ballet, Shobana Jeyasingh, Birmingham Royal Ballet, Alexander Whitley Dance e Gandini Juggling. Nel 2019, Gabriel è anche curatore di eventi, produttore e fondatore dell'etichetta discografica e club night Nonclassical, sede di una serie di artisti che sfidano le convenzioni. Attraverso Nonclassical, è stato uno dei principali fautori della presentazione di musica classica in luoghi non tradizionali; e si esibisce regolarmente nei nightclub, nei magazzini e nei festival di musica elettronica dell'East London, spesso facendo il DJ e facendo remix dal vivo delle opere appena eseguite.
Gabriel ha studiato composizione elettroacustica con Jonty Harrison a Birmingham e ha conseguito un master in composizione con Ambrose Field e Roger Marsh. È pubblicato sia da Faber Music che da Mute Song e risiede a Hackney, Londra, con sua moglie e i loro tre figli piccoli.

I VIRTUOSI ITALIANI

Info e Biglietteria

BIGLIETTERIA I VIRTUOSI ITALIANI

Verona, Piazzetta Ottolini n. 9
Lunedì, Martedì e Mercoledì dalle 15.30 alle 18.00
Giovedì dalle 10.30 alle 13.00

oppure su prenotazione:
Mobile, WhatsApp, Telegram
+39 392 7178741  / +39 045 8006411

[email protected] 

presso il Teatro Ristori o San Pietro in Monastero
dalle 18.30 nei concerti serali
dalle 15.30 nei concerti pomeridiani

giovedì, 20 Aprile 2023 H 20:00giovedì, 20 Aprile 2023 H 20:00giovedì, 20 Aprile 2023 H 20:00

Prossimi Eventi

Tutto
Danza
Per le Famiglie
Jazz
Nessun evento trovato!

Acquista l’Abbonamento

Biglietteria del Teatro

Via Teatro Ristori, 7
37122 Verona VR
+39 045 693 0001
[email protected]
Dal lunedì al venerdì dalle 10:00 alle 13:00
e dalle 16:00 alle 19:00

BoxOffice

Via Pallone, 16
37121 Verona VR
+39 045 8011154
Dal lunedì al venerdì dalle 9.30 alle 12.30 e dalle 15.30 alle 19.00
Sabato dalle 9.30 alle 12.30

Per le Aziende

Affitta il Teatro Ristori per i tuoi eventi
Diventa Sponsor e assicurati una poltrona per ogni spettacolo

Ricevi gli aggiornamenti e le promozioni
del Teatro Ristori

  • Stagioni
  • Per Aziende
  • Box Office
  • X