Primi Ballerini, Solisti, Corpo di BalloWIENER STAATSBALLETT

Liudmila Konovalova1 copyright by wiener staatsballett-dimo dimov

Primi Ballerini, Solisti, Corpo di BalloWIENER STAATSBALLETT

E S A U R I T O


foto: A Million Kisses to my Skin © wiener staatsballett


foto: In the Night  © wiener staatsballett

Con l’arrivo di Manuel Legris il Wiener Staatsballett ha acquistato nuova vitalità. Già étoile del Ballet de l’Opéra de Paris – tra le massime Compagnie mondiali – Legris è approdato a Vienna nel settembre 2010. La Compagnia, oltre cento danzatori, ha riunito gli ensemble della Staatsoper e della Volksoper. Ora, con la direzione di Legris, presentano ottanta serate all’anno, con numerosi nuovi coreografi e programmi, che hanno scosso il conservatore pubblico viennese.

Abbiamo quindi chiesto a Legris di presentare al pubblico del Ristori un programma pensato appositamente, scegliendo fra i grandi autori che innervano il Wiener Staatsballett di oggi. Ed ecco allora la possibilità (rara in Italia) di vedere un lavoro di Jerome Robbins, fra i massimi coreografi della seconda metà del Novecento; In the night venne creato nel 1970 per il New York City Ballet, di cui Robbins eradirettore artistico associato.

 

È danzato da tre coppie, ciascuna simbolizzando una stagione dell’amore. Di John Neumeier, l’americano dal 1973 alla testa dell’Hamburg Ballett, una generazione successiva a Robbins, vedremo Bach Suite III, creato nel 1981 a Amburgo, poi entrato nel repertorio di altre grandi Compagnie, come nel 1987 al Festival d’Avignon per il Ballet de l’Opéra de Paris. Forsythe, newyorkese come Robbins, per vent’anni a capo del Frankfurt Ballett, ha messo sotto le lente d’ingrandimento tutti i passi, le figure e l’intera grammatica del balletto.

Alla ricerca di una bellezza che non fosse più solo esteriore, ha immaginato nuove relazioni dinamiche fra i danzatori. Apre la serata il più giovane David Dawson (Londra, 1972), premiato due volte con il Benois de la Danse, con un lavoro del 2000, creato per il Balletto Nazionale Olandese, un’esuberante coreografia post-classica.

 

foto: The Vertiginous Thrill of Exactitude  © wiener staatsballett

 

A MILLION KISSES TO MY SKIN

Coreografia  David Dawson

Musica  J. S. Bach

 

THE VERTIGINOUS THRILL

of EXACTITUDE

Coreografia  William Forsythe

Musica  F. Schubert

 

IN the NIGHT

Coreografia  Jerome Robbins

Musica  F. Chopin

 

BACH SUITE III

Coreografia  John Neumeier

Musica  J. S. Bach

 

Direzione artistica Manuel Legris

 

www.wiener-staatsoper.at

 

 

 



X