Metropolitan Opera New York

Live_met_traviata_17_aprile_t

Metropolitan Opera New York


di G. Verdi, con N. Dessay, D. Hvorostovsky
direttore F. Luisi, regia di W. Decker

 

Dopo il fortunato debutto di Rigoletto, Giuseppe Verdi inizia a lavorare su due nuove opere: Il Trovatore per il Teatro Apollo di Roma e un’altra opera per il Teatro La Fenice di Venezia. La composizione di questa seconda opera è più travagliata, in quanto Verdi non riesce a sceglierne il soggetto. L’ispirazione arriva assistendo alla prima recita parigina della pièce teatrale La dame aux camélias tratta dal romanzo di Dumas figlio, scritto nel 1848, fortemente autobiografico e dal contenuto altamente scandalistico. Giuseppe Verdi affida la stesura del libretto a Francesco Maria Piave che in appena cinque giorni scrive lo scenario di Traviata riproducendo sostanzialmente il piano drammatico del romanzo e dividendo l’opera in tre atti rispetto ai cinque della pièce.

 

L’idea di musicare un dramma molto discusso a quell’epoca è un’impresa quantomeno audace e dimostra il grande coraggio di Giuseppe Verdi: la protagonista del romanzo, Margherite Gautier infatti è realmente esistita. L’opera di Verdi segue fedelmente il testo di Dumas e soprattutto lo spirito del dramma dello scrittore francese, ma i nomi dei personaggi vengono cambiati per ragioni di prudenza.

 

La censura veneziana, particolarmente tollerante nei confronti del compositore cambia il titolo proposto da Verdi da Amore e morte in Traviata e antepone la vicenda al XVIII secolo, per cercare di annullare l’effetto troppo realistico alimentato dalla scabrosità del soggetto. Alcuni spettatori dell’alta società, infatti avrebbero potuto riconoscersi nei protagonisti della finzione scenica. Eliminando però l’effetto provocante, al pubblico non rimane altro che ammirare un normale cliché melodrammatico.

 

Per la prima volta Verdi utilizza una tecnica narrativa insolita per il melodramma dell’epoca, applicata però alla sola musica e senza l’ausilio delle parole. In termini moderni si può parlare di flashback. L’ascoltatore viene condotto per mano in questo viaggio a ritroso nel tempo, durante le feste parigine, in una situazione di euforica allegria che contrasta con l’immagine di Violetta che giace ammalata nel suo letto. Il tema stesso della tisi, malattia romantica di moda, che affligge Violetta, ispira a Verdi le più alte pagine musicali.

 

Dopo le difficoltà iniziali l’opera va finalmente in scena al Teatro La Fenice, il 6 marzo 1853. Purtroppo alla sua prima rappresentazione Traviata è un insuccesso: i cantanti sono fisicamente inadatti alle parti e a questo bisogna aggiungere lo scarso impegno di alcuni di loro. L’anno seguente Verdi modifica, anche se di poco, la partitura per adattarla ai nuovi cantanti e il 6 maggio 1854 l’opera viene rappresentata al Teatro San Benedetto di Venezia ottenendo finalmente il meritato successo.                                                      

Testo tratto dal sito web della Fondazione Arena di Verona

 



X