Intervista a Marta e Diego Dalla Via

Intervista a Marta e Diego Dalla Via

Si definiscono una «piccola impresa famigliare che costruisce storie». Sono Marta e Diego Dalla Via, fratelli nella vita e coppia sulla scena, protagonisti di una nuova generazione di drammaturgi veneti che ha fatto della ricerca nella propria terra d’origine (sono nati e vivono a Tonezza di Cimone, sulle montagne vicentine) il segno distintivo. Il loro nuovo spettacolo Drammatica elementare arriva in anteprima a Verona venerdì 16 dicembre 2016 alle ore 20.30 sul palcoscenico del Teatro Ristori.

dalla_via_web_home_v1

Ci puoi presentare in breve, in 2 parole, che tipo di spettacolo troveranno gli spettatori che verranno al Ristori Venerdì 16/12?
MARTA: Troveranno una matrioska di storie. La scatola esterna è un’aula scolastica dove sono detenuti due allievi ribelli. Espulsi da ogni scuola di ordine e grado han deciso di diventare autodidatti e avanguardisti declinando a loro modo la lingua italiana. Questo attentato all’alfabeto è condito e scandito da una caustica comicità. Si ride ma di testa.

Quali sono gli obiettivi che vi ponete nel vostro fare teatro? E in questo spettacolo in particolare?
MARTA: Ci interessa raccontare e ci interessa farlo con il più alto grado di autenticità, per questo usiamo spesso la lingua regionale o “neo- dialettismi”. Mi piace pensare che quello che diciamo inneschi voglia di fortificare il proprio pensiero individuale a favore del viver collettivo.
DIEGO: “Drammatica elementare”, in particolare, vuole essere un invito a riflettere sul presente e a giocare con il linguaggio, due azioni alla portata di chiunque ma che sono anche le principali ragion d’essere del nostro teatro.

La famiglia è un concetto in grande evoluzione. Per voi, invece, sembra essere un carattere distintivo un’idea di famiglia più “all’antica”. Corretto?
DIEGO: Fare impresa in famiglia è tutt’ora molto in voga, nel nostro caso è soprattutto una questione pratica: collaboratori a portata di mano, affidabili e ben conosciuti, quindi prevedibili nel bene e nel male!
MARTA: Ad oggi siamo una famiglia molto piccola ma confido nel suo ampliamento. Il nostro prossimo spettacolo, per esempio, prevede la collaborazione con alcuni rapper vicentini che, come noi, tra di loro si chiamano “bro” (diminutivo di brothers). Un gemellaggio tra fratelli e un primo passo verso la famiglia allargata!

Che cosa sono i tautogrammi e da dove viene l’idea di farli diventare l’elemento cardine di quest’ultimo spettacolo?
MARTA: Fin da bambini io e Diego abbiamo trovato rifugio e gioia nel giocare con le parole perciò possiamo dire che abbiamo reso “artistico” un nostro modo quotidiano di comunicare.
DIEGO Il tautogramma è un componimento che utilizza solo parole che iniziano con la stessa lettera, ci era capitato di provare a fare alcuni esercizi enigmistici nella preparazione di un evento teatrale, poi abbiamo capito che anche i giochi di parole potevano raccontare storie e così è nato “Drammatica Elementare”.

fratellidallavia-1



X