Novembre, 2018

09Nov(Nov 9)20:30THE SWINGLES - Chambers of the HeartORCHESTRA FILARMONICA ITALIANA - musiche di J. S. Bach, A. Corelli, I. Albeniz, D. Gillespie, A. Piazzolla20:30 Genere:Concertistica,Stagione 2018-2019acquista ONLINEBiglietteria

Ora

(Venerdì) 20:30

Dettagli

THE SWINGLES
“Chambers of the Heart”

ORCHESTRA FILARMONICA ITALIANA

 

Prima assoluta italiana

musiche di J. S. Bach, A. Corelli, I. Albeniz, D. Gillespie, A. Piazzolla

 

The Swingles

Federica Basile
Elizabeth Swain
Joanna Eteson
Jonathan Smith
Kevin Fox
Edward Randell
Oliver Griffiths

 

Cantare una musica come se fosse suonata: questa, in sintesi, l’arte degli Swingles (The Swingle Singers il precedente nome storico), capaci di riprodurre con la voce il suono degli strumenti. Il complesso, costituito a Parigi da Ward Swingle all’inizio degli anni Sessanta e ricomposto in occasione del trasferimento a Londra, è stato poi sempre rinnovato nell’organico sotto la supervisione del fondatore. Educato secondo i canoni della tradizione corale inglese, con un repertorio che spazia da Mozart a Gershwin, da Bach a Duke Ellington, il gruppo ha registrato la Sinfonia di Luciano Berio con la direzione di Pierre Boulez, eseguendola poi con la New York Philharmonic Orchestra e con la Chicago Symphony Orchestra. Richiesti per concerti e per masterclass in tutto il mondo, gli Swingles si sono più volte esibiti al Teatro alla Scala di Milano e all’Accademia di Santa Cecilia a Roma.
In aggiunta ad un fitto calendario di concerti tenuti regolarmente in tutti i continenti, dal Nord al Sud America, all’Europa e all’Asia, gli Swingles presentano il proprio Festival “A Cappella” che si tiene al Kings Place di Londra ogni gennaio in collaborazione con Ikon Art Management. Il Festival è il primo di questo genere a tenersi nella capitale inglese, con l’intento di presentare i più raffinati talenti vocali provenienti da tutto il mondo.


CHAMBERS OF THE HEART
è uno speciale programma trasversale, che abbina le voci da camera del gruppo con il suono classico di un’orchestra d’archi. Un vero scambio di idee musicali, una gamma infinita di colori e strutture particolar, chei ha portato gli arrangiamenti del gruppo a nuovi livelli di drammaticità. Con un repertorio che spazia dal barocco al bepop, l’aggiunta di archi completa idealmente l’approccio strumentale al canto degli SWINGLES, sia che si tratti di affrontare con passione e carattere un tango di Piazzolla, che arrangiamenti classici. Questo programma coniugando perfettamente il linguaggio classico e il repertorio più tradizionale tanto caro ai fans del gruppo, risulta pieno di entusiasmo e innovazione.

 

ORCHESTRA FILARMONICA ITALIANA
L’associazione OFI (Orchestra Filarmonica Italiana) ha alle spalle un trentennio di attività sia in Italia che all’estero.
Caratterizzata da un repertorio vastissimo che include non solo proposte melodrammatiche, sinfoniche, cameristiche e coreutiche, ma anche produzioni meno mainstream e più contemporanee, OFI è caratterizzata soprattutto dalla poliedricità delle sue interpretazioni. Ad apprezzarla non vi sono infatti solamente i tradizionali “circuiti teatrali” italiani, ma anche spazi e utenze più trasversali – in grado di apprezzare il contributo che un’orchestra di professionisti garantisce a pressoché qualunque stile musicale.
La produzione sinfonica e lirica vantata da OFI è assai corposa, e comprende sia il repertorio popolare italiano più conosciuto e consolidato, sia quello meno consueto composto da opere considerate erroneamente “marginali”, o esecuzioni di titoli contemporanei – anche in prima mondiale. Vale inoltre la pena menzionare che l’Orchestra Filarmonica Italiana ha sollevato particolare interesse, in ambito discografico, con l’incisione di numerosi titoli inusuali e prestigiosi, tra cui quella di sei titoli di opere buffe settecentesche fino a quel momento cadute nell’oblio.
All’estero, OFI è tra l’altro assurta agli onori della cronaca per una tournée di musica italiana in Belgio e in Olanda, con l’obiettivo di diffondere la cultura nazionale con il consenso dello Stato italiano.
E così, accanto ad opere di fama assoluta come Aida, Falstaff, Il Trovatore, Le Nozze di Figaro, Il Flauto Magico, Carmen e La Gazza Ladra (solo per citare una piccola parte del repertorio operistico di OFI, che è possibile visionare in toto a questo link), spiccano composizioni più contemporanee come Il Cavaliere dell’Intelletto di Franco Battiato e collaborazioni con rockstar del calibro di Serj Tankian (già frontman dei System Of A Down e, nel 2011 e 2013, in tour in Italia con OFI per la promozione delle sue produzioni da solista) e con Mike Patton con una tournée nella estate del 2011.
L’Orchestra Filarmonica Italiana ha, nel corso dei suoi trent’anni di attività, collaborato con direttori di prestigio mondiale, tra cui vale la pena menzionare E. Müller, M. Viotti, N. Santi, S. Ranzani, P. G. Morandi, D. Garforth, Y. Ahronovitch, C. Franci, G. Zanaboni, M. Rota, A. Vlad, M. Letonja,
G. Veneri, G. Taverna, G. Arena, F. Pantillon, W. Proost, solo per citarne alcuni) e con interpreti di canto di fama planetaria (M. Devia, R. Kabaivanska, G. Dimitrova, K. Ricciarelli, P. Ballo, J. Carreras, A. Bocelli, J. Cura, R. Bruson, C. Gasdia, M. Malagnini e T. Fabbricini.
OFI, tuttavia, non si esime dall’accostarsi direttamente al pubblico con progetti che ne evidenziano l’estrema duttilità e modernità, come la sua partecipazione, nel 2012, al Pavarotti International assieme ad artisti del calibro di Zucchero, Jedd Beck, Elisa, Jovanotti, Bocelli ed Ennio Morricone, o come quella che l’ha vista impegnata nella formazione di un’orchestra di utenti della community di YouTube, nel novembre 2008.
Scelta dalla London Symphony Orchestra a rappresentare l’Italia assieme all’orchestra Nazionale della RAI di Torino e in compagnia dei più importanti organici da 23 Paesi del mondo, OFI ha in quell’occasione messo a disposizione gli skill dei suoi musicisti per la creazione di tutorial audiovisivi destinati al grande pubblico.
In considerazione dei numerosi inviti dai maggiori enti lirici e teatri di tradizionale nazionali, della partecipazione a svariate manifestazioni musicali trasmesse dalle reti RAI e dalla Rete Vaticana, anche in mondovisione, e a progetti in internet, OFI rappresenta ad oggi una delle realtà orchestrali di maggiore duttilità, qualità e flessibilità tra quelle presenti sul mercato.

 

 


foto © Nedim Nazerali

Organizzatore

Teatro Ristori

Biglietti online

acquista ONLINE

Info prezzi, abbonamenti e riduzioni

Biglietteria
X